Cookies help us deliver our services. Using these services, you agree to the use of cookies by us. Info

Protagonistas del diseño

GAE AULENTI – La Dama de la arquitectura y el diseño Made in Italy

imgCopertina

"L'architettura è un mestiere da uomini, ma ho sempre fatto finta di nulla".

Una frase emblematica pronunciata dall'architetto e designer Gae Aulenti, morta il 1° novembre 2012 nella sua casa di Milano all'età di 84 anni, e che mostra allo stesso tempo la sua ironia, la sua grande umanità e la sua proverbiale timidezza. Pioniera di una nuova visione progettuale, Gae Aulenti ha segnato la storia dell’architettura moderna, con uno stile e un’arte capaci di conquistare il mondo.

Nata in provincia di Udine il 4 dicembre del 1927 da una famiglia di origini meridionali, Gae Aulenti inizia a frequentare il Liceo artistico di Firenze, ma poi torna al Nord dove studia privatamente. "Prestavo allora dei piccoli servizi alla Resistenza - raccontava in una intervista a Corriere.it - si fidavano di me e qualche volta portavo fuori dai blocchi le missioni inglesi fingendo di andare in camporella. A Biella ero amica di due sorelle ebree che sparirono da un giorno all'altro. La coscienza civile nacque lì". Nel 1948 è al Politecnico di Milano, che diventa la sua città, e qui inizia a guardare al razionalismo internazionale, ad artisti come Gropius, Le Corbusier e Lloyd Wright. Fu grazie al suo coetaneo Vittorio Gregotti che ebbe modo di entrare nella redazione della rivista Casabella del grande maestro Ernesto Nathan Rogers, tempio dell’italian style e trampolino di lancio di architetti e designers. Da Rogers, la Aulenti apprese che arredamento e urbanistica sono le estreme polarità dell’attività di un architetto moderno.

Fra i suoi progetti più importanti:
• la trasformazione della dismessa stazione dei treni parigina Gare d’Orsay mel museo che ospita la più grande collezione di capolavori impressionisti del mondo;
• il progetto del Musée d’art moderne al Centre Pompidou;
• la ristrutturazione delle Scuderie del Quirinale a Roma;
• il restauro di Palazzo Grassi a Venezia;
• gli showroom per Olivetti nel mondo, da Parigi a Buenos Aires;
• il disegno di Piazza Cadorna a Milano;
• il Museo di Arte Catalana a Barcellona;
• il Museo di Arte Contemporanea a Istanbul.

Gae Aulenti è stata molto attiva anche nel campo del design degli oggetti. Fra i suoi lavori più famosi, la poltrona a dondolo Sgarsul, derivata dall’incrocio di due ellissi in legno curvato, i mobili Locus Solus del 1964 in tubolare metallico, le lampade Pipistrello, Ruspa Rimorchiatore e Parola (quest’ultima progettata con Piero Castiglioni), i tavoli composti di un piano di cristallo con ruote e i vasi disegnati per Venini.

Oggi alcuni di questi meravigliosi oggetti sono disponibile all’interno delle librerie DomuS3D® per impreziosire i vostri progetti e le vostre ambientazioni.
Cercateli nella sezione DOWNLOAD sotto l’etichetta “oggetti generici Maticad” per scaricarli nel vostro pc.
Una volta scaricati ed istallati, sarà sufficiente digitare Gae Aulenti nel campo ricerca della sezione ARREDI.

1 - Sedia a dondolo Sgarsul

2 - Martinelli Pipistrello

3 - Knoll Jumbo Table

4 - Locus Solus

5 - Artemide Pileo

6 - Tavolo con ruote

7 - Armchair Tennis per Knoll

8 - Lampada Ruspa

9 - Trabo toaster

10 - Lampada-vaso Giova